Guida Google My Business

Google My Business: come ottimizzare la propria scheda aziendale

Offrire ai potenziali clienti un’informazione completa, accurata ed utile circa la tua attività commerciale nel momento stesso in cui stanno facendo una ricerca riguardante i prodotti o i servizi che vendi può essere una soluzione che al tempo stesso porta traffico al tuo sito web e favorisce le vendite in negozio oppure online. Scopriamo insieme come procedere utilizzando lo strumento gratuito Google My Business.

Cos’è Google My business

Google MyBusiness (GMB) è un’interfaccia semplificata per gestire la presenza di un’azienda su internet. Nelle intenzioni di Google questo strumento deve riepilogare con semplicità una serie di informazioni basiche di un’azienda (ad esempio: nome, indirizzo, numero di telefono, settore merceologico). Inoltre ti consente di inserire l’azienda sulle Mappe di Google, aumentando in maniera sensibile la tua visibilità, in particolar modo sulle ricerche locali.

Quest’ultimo aspetto diventa particolarmente importante considerando che con l’enorme di diffusione di smartphones e tablet sono cresciute esponenzialmente le ricerche fatte in mobilità. Parliamo quindi di quelle ricerche che l’utente fa quando non è alla sua scrivania e deve soddisfare una esigenza immediata, e cerca un prodotto o servizio nelle vicinanze.

Riassumendo, con Google My Business il motore di ricerca vuole semplificare la vita alle imprese locali e offrire un servizio migliore all’utente che sta facendo una ricerca locale.

 

Come utilizzare Google My Business

La prima cosa da fare è senz’altro accertarsi che Google possieda informazioni corrette, complete ed aggiornate. Si possono verificare due casi: la scheda dell’attività esiste già oppure no.

 

SCHEDA ESISTENTE - Iniziamo verificando se la scheda aziendale esiste già. Per farlo basta cercare su Google la propria ragione sociale o quanto abitualmente appare sull’insegna. Nella parte destra dello schermo apparirà un riquadro con le informazioni basiche dell’azienda. In fondo al riquadro può apparire la scritta “Sei il proprietario dell'attività commerciale?”. Se siete i proprietari dell’azienda cliccate sulla scritta e seguite le istruzioni, che vi porteranno alla fase successiva: la verifica dell’attività.

Le principali modalità di verifica sono le seguenti:

  • Verifica tramite cartolina postale
  • Verifica tramite telefonata

In entrambi casi Google genera un codice PIN che deve essere poi inserito all’interno dell’interfaccia di Google My Business. A seguito della verifica sulla scheda aziendale apparirà uno scudetto, confermando l’attendibilità delle informazioni, poiché direttamente fornite dal proprietario dell’attività commerciale.

 

SCHEDA INESISTENTE – Se cercando la tua ragione sociale o l’insegna non appare alcun riquadro sulla destra dello schermo significa che Google non conosce i dettagli relativi all’azienda e dovrai creare una nuova scheda, accedendo a Google My Business. Ti verrà chiesto di scegliere il tipo di attività (Esercizio pubblico, Servizio, Brand) e di inserire le informazioni relative all’impresa. Anche in questo caso dovrai passare attraverso la fase di verifica.

Una volta creata la nuova scheda o rivendicata quella già esistente potrai gestire le modifiche attraverso il sito https://www.google.com/business/ oppure attraverso la app nel Play Store.

Se hai trovato difficoltà nel seguire il procedimento descritto puoi anche dare un’occhiata a questo video, creato dallo staff di Google per aiutare i nuovi utenti.

 

Come ottimizzare la tua azienda su Google My business

  1. Utilizzare il nome reale dell’azienda – Se per esempio dobbiamo inserire il ristorante da Pippo a Pavia, bisogna evitare di scrivere cose tipo “Ristorante da Pippo – il migliore di Pavia” oppure “Ristorante da Pippo – specialità pesce”. Avremo modo di inserire le altre informazioni (Pavia e specialità pesce) negli spazi appositi
  2. Preparare una descrizione per l’azienda. Non è il caso di improvvisare un paio di frasi. La descrizione deve spiegare con semplicità quali sono le tutte attività svolte e ricordare qual è l’area geografica di riferimento. Può essere utile dare un’occhiata alla descrizione dei proprio concorrenti per verificare come si presentano. Bada bene: è sconsigliabile copiare la descrizione da un concorrente ma è utile vedere quali aspetti ha maggiormente approfondito. Valuta di scrivere almeno 2-3 paragrafi, ed utilizza intestazioni ed elenchi puntati per citare i tuoi prodotti/servizi
  3. Inserire il maggior numero di foto possibile rispettando le categorie suggerite (foto per il profilo, foto degli interni, foto dell’esterno, foto del tuo lavoro, foto del team, foto aggiuntive). Periodicamente potrai aggiornare le foto rimuovendo le più vecchie.
  4. Verifica con attenzione di aver inserito l’indirizzo in modo corretto e compila gli orari di apertura dell’attività, che contribuiscono a completare la scheda
  5. Nel caso in cui l’attività abbia più punti vendita ricordati di creare una scheda distinta per ciascun punto vendita.
  6. Quando la scheda è completa e disponibile online ricordati di chiedere ai tuoi clienti di lasciare una recensione per la tua attività. Questi feedback aiutano Google a comprendere come la tua attività viene percepita dalla clientela. Un maggior grado di informazioni può migliorare la visibilità delle tua scheda GMB rispetto ad altre presenti nella tua categoria.
  7. Periodicamente accedi alla tua scheda attraverso GMB per verificare la presenza di recensioni e prenditi il tempo di rispondere. Se il feedback è positivo, ringrazia per le belle parole mentre se è negativo valuta con attenzione la tua risposta perché sarà sotto gli occhi di tutti.

 

Conclusioni

Sapevi che in Italia ci sono circa 137.000 piccole medie imprese? E’ un numero piuttosto elevato. Con così tanta competizione (senza concentrarsi su uno specifico settore) è importante fare qualcosa per farsi trovare online.

La tua scheda Google My Business è solo il primo passo. Scegliendo di ottimizzare la tua presenza online potrai scoprire che comunicare attivamente con i tuoi potenziali clienti è una fase essenziale per far crescere la tua attività e consolidare il buon lavoro che hai fatto finora.

Giovanni Villani
Classe 1977, nato a Pavia, sono titolare dell'agenzia Semantik. Da sempre grande appassionato di nuove tecnologie, aiuto le piccole medie imprese a scoprire la comunicazione digitale e tutte le sue opportunità.

Hai trovato utile questo articolo? Condividilo sui social network che preferisci usando uno dei bottoni sottostanti.

Seguici

Facebook Google Plus LinkedIn Pinterest

Consulenza SEo Pavia e provincia

Licenza dei contenuti

I contenuti presenti sul blog sono distribuiti secondo la licenza Creative Commons. Clicca sull'icona per saperne di più.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Contatti

Semantik
Web e SEO Agency

Via Umberto I, 15
27053 Lungavilla (PV)

Tel: 347 9743960
Mail: info@semantik.agency

 

› Privacy & Cookies Policy

© 2016 Semantik di Giovanni Villani | P.IVA 02067920187 | Mail: info@semantik.agency | Tel 347 9743960